Autoanalisi

autoanalisi del sangue

La Farmacia Madonna Pellegrina ti offre un utile servizio: l’autoanalisi del sangue con un semplice, sicuro ed indolore prelievo di sangue da un polpastrello (prelievo di sangue capillare) utilizzando una tecnologia da laboratorio che garantisce risultati di esattezza paragonabili a quelli del laboratorio.
E’ un servizio rapido, senza prenotazioni, senza lunghe attese e con risultati immediati. E’ possibile eseguire le seguenti autoanalisi del sangue:

  • Profilo Lipidico
  • Colesterolo
  • Glicemia
  • Emoglobina Glicata Transaminasi (Enzimi Epatici)
  • Psa

Diagnostica

HOLTER PRESSORIO 24 H

Holter pressorio

Il monitoraggio pressorio delle 24 ore è un test non invasivo che consente di registrare la pressione arteriosa continuativamente per 24 ore, mediante un piccolo apparecchio (grande più o meno come un “Walkman”) fissato in vita con una cintura.

Rispetto alla classica, singola, misurazione della pressione arteriosa che si effettua dal medico, in farmacia, o a casa, consente di avere un quadro completo delle condizioni pressorie,rilevando con molta accuratezza le variazioni della pressione arteriosa circadiane e notturne, determinando un profilo pressorio che rispecchia maggiormente quello reale.
Il monitoraggio della pressione arteriosa (PA) sta assumendo sempre più importanza diagnostica e prognostica nell’ambito del controllo della malattie cardiovascolari.

 Infatti vari studi clinici hanno dimostrato la correlazione tra valori pressori elevati e malattie cardiovascolari o ictus.

L’ Holter Pressorio è molto utile in diverse situazioni:

• nei pazienti che hanno una ipertensione arteriosa instabile (cioè i valori della pressione arteriosa variano molto da un momento all’altro)

• nei pazienti facilmente emozionabili, che di fronte al “camice bianco” del medico hanno sbalzi pressori, ma che a casa hanno una pressione normale

• nei pazienti ipertesi in terapia farmacologica, per controllare che il farmaco agisca in ogni momento della giornata, e non solo per alcune ore (la pressione alta infatti, danneggia le arterie anche se rimane alta solo per alcune ore della giornata)

• nei pazienti che, pur avendo la pressione arteriosa normale, durante il giorno accusano sintomi che possono far pensare ad improvvisi aumenti o diminuzioni della pressione (vertigini, sbandamenti, vampate, sudore freddo, senso di svenimento, “testa vuota”, sanguinamento dal naso ecc.)

• nei pazienti ipertesi che prendono medicine per abbassare la pressione ed accusano saltuariamente dei disturbi, per capire se i disturbi sono legati ad un eccessiva diminuzione della pressione (ed in questo caso bisogna ridurre il dosaggio della terapia) oppure ad altre cause.

Nella pratica cosa avviene?
Il giorno dell’inizio dell’esame, in farmacia, sistemiamo apparecchio e bracciale e avviamo il dispositivo.

Consigliamo di vestirsi con indumenti non aderenti, che permettano di nascondere il piccolo apparecchio ed il bracciale.
Durante il periodo di esame, vengono misurati i valori della pressione arteriosa (P.A.) e della frequenza cardiaca (F.C.), sia mentre si svolgono le normali attività quotidiane e di lavoro, che durante la notte.
Trascorse le 24 ore, toglieremo l’apparecchio ed invieremo i dati memorizzati al centro specialistico di telemedicina consentendo al cardiologo che si occuperà della refertazione dell’esame una valutazione molto precisa sull’ indicazione e sugli effetti delle terapie Farmacologiche.

Il referto viene consegnato il giorno successivo al termine dell’esame e consiste in un riassunto comprensivo di tutte le misurazioni effettuate e di elaborazioni grafiche di tutti i dati acquisiti nelle 24 ore, nonché di un commento sintetico da parte del cardiologo del centro di telemedicina.

ELETTROCARDIOGRAMMA (ECG)

elettrocardiogramma

L’elettrocardiogramma è un esame attraverso cui è possibile registrare e rappresentare graficamente l’attività elettrica del cuore, che corrisponde alle contrazioni (sistole) e rilasciamenti (diastole) con cui il muscolo cardiaco svolge la sua attività di pompaggio del sangue.
Il risultato visibile su carta è un tracciato con tre onde positive e due onde negative che, se diversamente rappresentate indicano una condizione patologica.
L’elettrocardiogramma standard (a riposo) consente di misurare il ritmo del cuore, alla ricerca di eventuali aritmie, e l’eventuale aumento della dimensione delle camere cardiache.

Un controllo periodico al cuore è fondamentale per la prevenzione delle malattie cardiovascolari. Diabete, ipertensione, fumo e obesità costituiscono i fattori di rischio che possono contribuire a causare tali malattie.

Da oggi è possibile fare l’elettrocardiogramma qui in farmacia, attraverso un servizio di telemedicina facile, veloce ed affidabile.

L’elettrocardiogramma è un esame semplice, non invasivo e privo di rischi. Nella pratica l’esame viene eseguito con il paziente in posizione supina: il farmacista applica 10 sensori, sei sul torace all’altezza del cuore e gli altri quattro su gambe e braccia, registra i battiti cardiaci e poi li trasmette ad un centro cardiologico specializzato, dove un cardiologo sempre in linea elabora i dati e in pochi minuti invia il referto dell’elettrocardiogramma.

L’elettrocardiogramma registrato con tale servizio ha la stessa valenza ed affidabilità di quello fatto con le normali apparecchiature elettrocardiografiche. E’ comunque sempre meglio esaminare i risultati del test con il proprio medico curante.

MISURAZIONE DELLA PRESSIONE

misurazione pressione in farmacia

La misurazione della pressione arteriosa è molto importante per valutare la salute del sistema cardiovascolare.
Per gli anziani, gli ipotesi e gli ipertesi il controllo deve essere frequente ed è consigliabile a tutti almeno 3 volte l’anno.

I valori normali di pressione arteriosa devono essere inferiori a 140/90 mmHg.
I valori pressori inferiori a 120/80 mmHg sono considerati ottimali.

IPERTENSIONE ARTERIOSA è stata definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) la pressione che in più rilevazioni è uguale o superiore al valore di 140 mmHg di sistolica (IPERTENSIONE ARTERIOSA SISTOLICA) o 90 mmHg di diastolica (IPERTENSIONE ARTERIOSA DIASTOLICA).
Valori pressori di sistolica compresi tra 140 e 159 mmHg e di diastolica tra 90 e 99 mmHg sono definiti come ipertensione di grado lieve.
Valori pressori di 160-179 mmHg di sistolica o 100-109 mmHg di diastolica rappresentano un’ipertensione di grado moderato.
Infine valori uguali o superiori a 180 e 110 mmHg rispettivamente di sistolica e di diastolica costituiscono un’ipertensione di grado severo o grave.

E’ importante sottolineare che qualora la pressione arteriosa sia automisurata a domicilio dovranno essere considerati normali valori tensivi inferiori a 135/85 mmHg.

Che disturbi provoca?

Molti ipertesi sono tali senza saperlo e spesse volte lo scoprono durante un controllo medico occasionale. Non a a caso gli anglosassoni chiamano l’ipertensione il killer silenzioso. Tuttavia non bisogna sottovalutare alcuni sintomi potenzialmente dovuti all’ipertensione arteriosa quali: mal di testa, ronzio auricolare, disturbi visivi, senso di vuoto alla testa, di instabilità e di vertigine; sensazione di malessere con difficoltà di concentrazione e di memoria; arrossamento del viso; palpitazioni, epistassi.

Qual’e la causa?

Nella stragrande maggioranza dei pazienti non è possibile riscontrare una causa vera e propria dell’ipertensione, che viene pertanto definita essenziale o primitiva. Più raramente sono identificabili malattie specifiche che possono causare ipertensione: malattie renali, malattie endocrine, malattie congenite, ecc…

ANALISI DELLE URINE

In 5 minuti è possibile con estrema accuratezza determinare 11 parametri clinici urinari quali:

  • leucociti
  • presenza di sangue
  • bilirubina
  • urobilinogeno
  • chetoni
  • proteine
  • nitriti
  • glucosio
  • ph
  • peso specifico
  • acido ascorbico
Share by: